Invernale Riva di Traiano: la bacchetta magica di Zigo Zago mette in riga la flotta

Partenza 17

Traiana Nautica Racing – Zigo Zago vince la regata costiera disputata con oltre 20 nodi di vento e in un clima gelido che nemmeno un gran sole riusciva a scaldare. In classifica generale Ars Una è ora in testa sia in IRC sia in ORC

Riva di Traiano, 18 gennaio 2016 – La magia di Zigo Zago ha regalato un’emozione nuova al Campionato Invernale di Riva di Traiano – Trofeo Paolo Venanzangeli, in una bellissima giornata piena di sole e di vento che ha accolto i regatanti impegnati nella prima prova del 2016. Tutti si sono inchinati, in IRC e in ORC, alla “tribù del grande mago”, che ha vinto, magari, anche senza intonare la magica canzoncina, rimasta strozzata in gola per via del freddo. Oltre al sole e al vento c’era, infatti,  anche un gran gelo, con una temperatura percepita di -1°. Nessuno però si è impaurito, né la giornata è stata meno divertente. Le previsioni davano un vento di 16/17 nodi, ma non è stato così. Alle 11:00, quando si sono iniziate le procedure di partenza, l’anemometro segnava già 22 nodi e in crescita. Con questa intensità, la classe Gran Crociera è rimasta a terra per motivi di sicurezza. Hanno preso il via solo le classi Regata e Crociera.
La novità di giornata è stata la disputa di una costiera di 12.28 miglia al posto del bastone. Era una delle eventualità previste dal regolamento e questa è stata l’occasione buona per metterla in atto. La regata è stata avvincente: una lunga corsa verso Santa Marinella con Capo Linaro a fare da spartiacque in tutti i sensi. A nord si ballava tra le onde. A sud il mare era tirato come una corda di violino. “Questa giornata di regata – spiega il presidente del Comitato di regata Fabio Barrasso - è partita con quattro giorni di monitoraggio, con una situazione meteo che si preannunciava pesante e con la certezza che una valutazione errata anche solo del 10-15% poteva essere pericolosa. Questa incertezza ci ha portato a varare finalmente questo nuovo percorso costiero perché, vista la situazione metereologica con l’intensità del vento che andava a crescere, il percorso sul bastone sarebbe stato pesante, problematico da gestire a livello di manovre, e probabilmente non così tecnico come forse questa flotta meritava. Ha inciso anche  l’incertezza sulla direzione, perché, con un vento che arriva da terra, l’orografia incide parecchio. Abbiamo preso la palla al balzo e abbiamo spiegato velocemente alle barche questa soluzione. Nessuno ha sbagliato, tutti sono stati contenti, e direi che in un tempo contenuto hanno fatto la lunghezza massima mai fatta in tutto il campionato”.
Ars Una, il Mylius 15E25 di Rocchi/Biscarini non ha avuto rivali in tempo reale, chiudendo la prova in 1h35’36”, seguito da Neo Scheggia di Paolo Semeraro a 2’53” e a 10’’40” da Rosmarine 2 di Riccardo Acernese.
Ma la classifica overall parla tutt’altra lingua: quella del Grand Soleil 37 B Traiana Nautica Racing – Zigo Zago di Marco Emili, con a bordo Sandro Montefusco, quella del First 45 Vahiné 7 di Francesco Raponi, con Francesco Cruciani e Federico Savoia, reduce dal 2° posto all’ARC sulla barca di Lallo Gianni (Durlindana) e quella di Neo Scheggia, il Neo 400 di Paolo Semeraro che, tanto per non scendere di livello, ha a bordo Andrea Ballico.
In ORC c’è stata la disfatta di Aeronautica Militare che è incappata in una giornata nera. La barca di Giancarlo Simeoli, leader prima di questa prova, accusava problemi con il gennaker alla partenza e accumulava un grandissimo ritardo. Nonostante una furiosa rimonta, la barca dell’Aeronautica era ultima overall, incassando 18 punti e compromettendo così la sua classifica. Anche qui la vittoria andava al mattatore di giornata, Traiana Nautica Racing – Zigo Zago, che precedeva Neo Scheggia e Vahiné 7. Stravolta la classifica generale, con Ars Una che prende il comando, seguita da Neo Scheggia e da Aeronautica Militare.
In classe Crociera Francesco Sette questa volta non ce l’ha fatta a beffare per la quinta volta consecutiva Roberto Bonafede. Per Twins, 47” di vantaggio in tempo reale non sono bastati e la vittoria è andata a White Pearl. Terzo posto per Fata Ignorante di Stefano Sorgente.
“Sono felice che sia andato tutto bene – commenta il Presidente del Circolo Nautico Riva di Traiano Alessandro Farassino – e il successo di questa giornata sottolinea ancora una volta la grande professionalità degli equipaggi e l’alto livello di competenza. Spiace che i Gran Crociera siano rimasti a terra, ma le istruzioni di regata parlano chiaro, e oltre i 15 nodi di vento questa classe non può regatare. Sulla sicurezza non si transige, ed è un tema cui noi teniamo moltissimo. Sono molto soddisfatto, inoltre, della grande partecipazione al corso di meteoreologia tenuto da Paolo Sottocorona, che andrà avanti fino a fine febbraio, per essere poi sostituito dai corsi di pesca di Walter Fiorani, un’altra iniziativa pensata per i nostri soci e per tutti coloro che frequentano il porto di Riva di Traiano”.

Classifica generale dopo 5 prove
Regata IRC: Ars Una (punti 12), Neo Scheggia (punti 19), Vulcano 2 (punti 30).
Regata ORC: Ars Una (punti 12), Neo Scheggia (p. 21, Aeronautica Militare Duende (p. 24).
Crociera: Twins (punti 6), White Pearl (p. 10), Vulcain (p. 15.5).
Gran Crociera: Maylan (punti 5), Giuly Del Mar (p. 9), Gatto Gatto (p.10).

Foto credit: Marina Ferrieri

Risultati e classifiche : http://cnrt.tuttobarche.it/risultati-invernale-2015-2016/

Comunicato n. 9/Invernale 2015/2016

Comunicazione a cura di
Roberto Imbastaro mob. 334 2241156

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>